lunedì 28 dicembre 2009

Firmificio

Non proprio un neologismo ma una delle parole che forse meglio rappresentano l'Italia del 2009. Cristiano Gatti su Il Giornale ricorda come da quando è stato lanciato l'appello per salvare la foca monaca "abbiamo messo in piedi un firmificio nazionale di proporzioni colossali". Firmificio ma anche appellismo che, sempre Il Giornale, definisce il nuovo gerovital dei progressisti. Da lungo tempo, in effetti, sia la Repubblica che l'Espresso hanno lanciato a colpi di firme una campagna contro il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, e le decisioni del governo. Ma, ricostruisce meticolosamente Panorama, non si è sottratto al firmicidio nazionale neppure il Giornale: prima per abolire il canone Rai (campagna sostenuta anche da Libero) e poi per appoggiare un manifesto di alcuni imprenditori lombardi contro "l’Italia dei furbi" e lo strapotere di Repubblica e dei magistrati politicizzati. Ma il firmificio non si ferma qua: tanti i giornali nazionali e locali che nel 2009 si sono dati all'appellismo.

Nessun commento: