Post

Vera Gheno: "Il bancomat a Londra? Gli inglesi non capirebbero, è uno pseudoanglicismo"

"Gli pseudoanglicismi sono quei termini che usiamo in italiano, pensando che siano inglesi, e che invece o non lo sono affatto (pur suonando tali), oppure che in inglese hanno un altro significato", spiega Vera Gheno, sociolinguista. 

Un caso tipico di questi tempi è smart working. "E' un termine che da noi è stato usato soprattutto negli ultimi mesi, durante il 'lockdown', con il senso di lavorare da casa, a distanza. Gli inglesi parlano di 'working from home' o 'remote working'. Esiste comunque in inglese smart working ma è molto poco usato ed ha un significato diverso da quello che gli attribuiamo in Italia: si tratta di un tipo di lavoro che fruisce delle nuove tecnologie per rendere l'orario di lavoro in modo molto più elastico". 

Ma sono moltissimi gli pseudoanglicismi ormai entrati nell'uso comune qui da noi, Vera Gheno li elenca nell'articolo pubblicato sul sito di Zanichelli. Qualche esempio? Il bancomat: "Probabi…

La parola «negra» non è un'offesa?

Luigi Borriello: "Frugali? Un calco dall'inglese, ma in italiano quel significato non esiste"

Leggere, scandire e calcolare le sillabe: il computer è figlio del vecchio computare

Licia Corbolante: "Sanificare, disinfettare o igienizzare? Vi spiego quale termine usare"

Più delle accuse di razzismo poterono gli sponsor: i «Redskins» cambiano nome

Francesco Prisco: "Dopo il caso Floyd, derive di politicamente corretto stucchevoli e pericolose"

Daniela Pietrini: "Dalla mascherina come travestimento alla 'mascherina di comunità'"

Michele Cortelazzo: "Leggi poco chiare? Non possono occuparsi di tutto in una volta sola"

Licia Corbolante: "Un trilione? Dipende dalla scala usata. Evitiamo errori e diciamo mille miliardi"

Vera Gheno: "La comunicazione pubblica? In questo periodo, regna una certa confusione"

Celotto: "Congiunto? Anche la fidanzata, ma che sia solo una sennò diventa elusione della norma!"

Claudio Marazzini: "Noi lockdown, in Francia e Spagna confinamento. Troppi anglismi col coronavirus"

Chiamatela «gocciolina»

Bruno: "Fake news? Ecco come capire se una notizia è una bufala o meno"

Spina: "Oggi appropriato parlare di emergenza, prima del Covid-19 era emergenza qualsiasi cosa"

Testa: "La metafora della guerra? Una operazione di orientamento delle emozioni collettive"

Il pianeta si salva con parole nuove

Valeria Della Valle: "Lockdown, poco comprensibile ma ormai usata da tutti"