martedì 8 novembre 2016

Interviste. Beccaria: "La lingua? Un fiume che scorre tra neologismi e parole perdute"

video

"La lingua è come un fiume che scorre: ogni tanto si impoverisce per poi arricchirsi. E' un va e vieni continuo di parole nuove che si impongono e rimpiazzano parole perdute. A preoccupare semmai è la scrittura, nonostante ci sia stata un suo ritorno, basti pensare alla diffusione dei messaggini, ma è crollata la sintassi, la capacità di governare il periodo". Lo spiega Gian Luigi Beccaria, autore de "L'italiano che resta" pubblicato da Einaudi.

Nessun commento: